Gaza is Alive!

six step one life, bottega, prama, bboy clothing, breakdance wear, abbigliamento breakdance, abbigliamento bboy, bboy wear

Siamo stati al CSO Pedro questo weekend alla splendida Jam di raccolta fondi per il progetto Gaza is Alive, a sostegno di Shaark, della CB Crew e della loro scuola. E' importante dare una mano a chi ha bisogno e se lo merita, anche un piccolo aiuto può essere tanto per chi non ha niente. Qui l'Hip Hop salva veramente le vite, ricordatelo BBoys e BGirls! Incolliamo il comunicato del progetto, per farvi un idea della situazione, e subito dopo andate al Crowdfunding e donate

Grazie ancora a tutti i ragazzi del Pedro e al super Orion. A presto! Poi un pò di foto dei pezzi e della serata con Dj Gruff che ha fatto un mega live e ha fatto ballare BBoy Ibra, BBoy Raw Martin, BBoy Gian, BGirl Eloc e BGirl Anna a suon di presa bene.

Mega!

Il Progetto

La Striscia di Gaza è la più grande prigione a cielo aperto del mondo.

Contesto

I recenti conflitti (2009 e 2014) e gli ultimi eventi legati alla “Grande marcia del Ritorno” hanno spinto la popolazione verso una condizione sociale fortemente critica.

La condizione economica (alto tasso di disoccupazione, mancanza di elettricità ed acqua potabile, malnutrizione, ecc.), e i servizi di welfare poco efficienti completano il quadro allarmante.

Inoltre, l'embargo totale imposto da Israele da 12 anni ha determinato una crisi socio-economica senza precedenti. La maggior parte dei 2 milioni di abitanti della Striscia di Gaza vive in uno stato di privazione dei diritti umani più basilari e non può viaggiare né uscire da una lingua di terra militarizzata grande 360 Kmq.

Questi fatti hanno influenzato negativamente la vita delle persone, specialmente dei bambini, che rappresentano i soggetti più vulnerabili.

La salute psico-sociale delle persone è una delle dimensioni più urgenti da affrontare.

La CB Crew di Gaza

Negli anni, abbiamo conosciuto e supportato la crew di breakdancers gazawi "Camp Breakerz", che da 15 anni, attraverso l'Hip Hop, cerca di trasmettere alla popolazione palestinese quel senso di libertà soffocato dalla segregazione con la quale è costretto a fare i conti tutti i giorni.

Da 10 anni hanno fondato una scuola di break-dance, che in questo momento necessita di fondi per sostenere i costi relativi all ’affitto dei locali, la strumentazione, i corsi di danza, scrittura, musica e rap. Fino ai tempi recenti la scuola era finanziata dalle rette mensili pagate dalle famiglie, che oggi subiscono sempre di più gli effetti della crisi economica. Risultato di tale drammatico quadro è l’abbandono della frequenza dei corsi da parte dei bambini. Gli insegnanti, inoltre, sono retribuiti solo parzialmente e, quindi, sono costretti ad impiegare parte della loro giornata in altre attività lavorative, mettendo di conseguenza in secondo piano la loro formazione e la pianificazione delle attività di insegnamento.

Gaza is Alive 2019: una Jam, ma non solo!

Quest'estate andremo a Gaza con un team di musicisti, artisti Hip Hop internazionali e psicologi per una serie di workshop di produzione musicale, rap, writing e breakdance di supporto psico-sociale ed una bellissima Jam, che saranno solo l'inizio di un progetto di supporto a lungo termine, che prevede una copertura economica che possa rendere gratuiti i corsi per i ragazzi; un ’ adeguata retribuzione per gli insegnanti e la loro formazione continua.

Chiediamo a chiunque voglia contribuire a portare arte, cultura e allegria a Gaza di donare e di seguirci sulla nostra pagina Facebook, ampliando il piu possibile la rete di solidarietà.

NB: È possibile contribuire anche con bonifico bancario

IBAN: IT82V0335901600100000154044 c/o Banca Prossima

intestato a: Grafite HB

Causale: Gaza is Alive

www.gazaisalive.info